Regolamento


PREMESSA
La Carta europea della sicurezza stradale, guidata dalla Commissione europea sostiene le associazioni europee, le scuole, le università, le imprese di tutti i tipi e dimensioni e le autorità locali a intraprendere azioni a favore della sicurezza stradale in Europa, riconoscendo i contributi della società civile alla sicurezza stradale.

L'obiettivo finale è quello di ridurre sensibilmente il numero di vittime della strada entro il 2020.

Da questi presupposti nasce il progetto Vado Sicuro.

Vado Sicuro è un Concorso che si pone l’obiettivo di sensibilizzare bambini e ragazzi sul tema della sicurezza stradale.

L’educazione stradale può dare un grandissimo contributo alla formazione della consapevolezza della norma come valore etico - civile, alla costruzione dell’autonomia e del senso di responsabilità, al rispetto e solidarietà come stile di vita. La sicurezza non è determinata infatti solo da restrizioni, sanzioni, controlli, seppure estremamente importanti, ma anche dalla partecipazione di tutti i cittadini, dalla condivisione dei valori, dalla volontà di tutti di essere parte attiva a favore delle regole necessarie per una convivenza civile.

La prevenzione dei comportamenti a rischio e l’acquisizione delle regole iniziano dai primi anni di vita e costituiscono un elemento fondamentale nei processi formativi della personalità dell’alunno.


REGOLAMENTO
Vado Sicuro è un progetto sulla sicurezza stradale, sul valore delle regole, un modo per favorire una cultura di una forma più innovativa di trasgressione che rivendichi il rispetto delle norme, il richiamo ad un modello di comportamento che chiama in causa tutti gli attori sociali.

L’iscrizione al concorso Vado Sicuro è gratuita e aperta agli studenti di

  • Scuole dell’Infanzia
  • Scuole Primarie
  • Scuole secondarie di I grado
  • Scuole secondarie di II grado

 di Rovigo e provincia.


Come partecipare
I ragazzi sono invitati ad esprimere la propria idea sul tema del rispetto delle regole, legato in modo specifico alla sicurezza stradale, utilizzando la forma espressiva preferita tra quelle sotto indicate.

Tema per Scuole dell’Infanzia e Primarie: Sulla strada… noi rispettiamo le regole!

Scuole dell’Infanzie e Primarie possono partecipare con:
Opere grafiche: disegni e cartelloni (max 70 x 100)
Opere plastiche
Opere multimediali: video (max 2 minuti – formato Mp4 o AVI).


Tema per Scuole Secondarie di primo e di secondo grado: Sì alla vita e alle regole (no alle distrazioni alla guida / no allo smarthphone al volante e sulla strada)

Le scuole Secondarie possono partecipare con:
Opere grafiche: immagine per campagna pubblicitaria cartacea sulla sicurezza stradale
Opere testuali: poesie - testi rap - racconti (lunghezza massima 1 facciata - Times New Roman 12)
Opere multimediali realizzate come campagne di sensibilizzazione contro l’utilizzo del telefono alla guida e sulla strada (max 2 minuti - formato Mp4 o AVI).


FOCUS EDIZIONE VADO SICURO 2018: LA DISTRAZIONE ALLA GUIDA E SULLA STRADA (indicato in maniera preferenziale per le Scuole Secondarie)
#guidosenzadistrarmi #quandoguidononchatto #nosmartphonealvolante

Secondo i dati Istat, nel 2016 si sono verificati in Italia 175.791 incidenti stradali con lesioni, che hanno provocato 3.283 vittime, quasi dieci morti al giorno.

È ormai assodato che una delle principali cause degli incidenti stradali è la distrazione che potremmo definire tecnologica, dovuta non solo all’utilizzo dello smartphone ma anche dei moderni sistemi di infotainment offrono una miriade di informazioni, ci permettono di scegliere la nostra musica preferita tra migliaia di brani e spesso integrano il navigatore satellitare. Secondo un'indagine statistica, promossa da Quixa e condotta dall'Istituto di Ricerca MPS Evolving Marketing Research, sarebbe proprio l'infotainment, e il modo in cui viene utilizzato, il principale attentato digitale alla sicurezza stradale.

L'indagine statistica è stata condotto nell'ambito del progetto Stetoscopio - Il Sentire degli Italiani ed ha preso in considerazione, più volte e in distinte aree geografiche, un campione di 1.000 soggetti da 18 a 75 anni. Dall'analisi dei dati raccolti emerge che il 40% degli intervistati ammette di utilizzare i dispositivi di bordo mentre è al volante, rispetto al 23.5% che confessa di utilizzare lo smartphone senza fare ricorso a un kit vivavoce o ad un auricolare. Il dato più preoccupante riguarda i giovani da 18 a 24 anni l'84% dei quali ammettono di distrarsi per cambiare musica, impostare il navigatore o sfruttare altre funzionalità tecnologiche quando l'auto è in movimento. La percezione prevalente dell'automobilista sembra essere quella di sentirsi nei limiti delle legalità visto che i dispositivi che utilizza sono installati a bordo e che la normativa in merito è al quanto nebulosa, al contrario del telefono alla guida per il quale è previsto un inasprimento delle pene

Le cattive abitudini degli italiani al volante non si limitano all'utilizzo di dispositivi elettronici e ai messaggini dallo smartphone: 1 guidatore su 3, pari al 29% del campione, ammette di mangiare e bere mentre guida, il 23% ammette di distrarsi per guardare e controllare i bambini seduti sul divano posteriore. Quest'ultimo "vizio" accomuna l'80% dei conducenti-genitori di bambini di età inferiore ai 5 anni. Chi pensa a rifarsi il trucco, pettinarsi o aggiustarsi la cravatta sfruttando lo specchietto di cortesia rappresenta il 15% del campione, anche se tutti sostengono di farlo in condizioni di sicurezza, quando ad esempio l'auto è ferma al semaforo.

Non ci stanchiamo di ribadire quanto pericolose siano le distrazioni e quanto gravi possono essere le loro conseguenze. (Pubblicato in www.sicurauto.it/codice-della-strada il 27 Settembre 2017 | Autore: Gabriele Amodeo)

Per le Scuole Secondarie di primo e di secondo grado come supporto al confronto in classe e alla realizzazione dei lavori si consiglia la visione del video I VULNERABILI, pubblicato sulla pagina Facebook di Vado Sicuro www.facebook.com/progetto.vadosicuro

Invitiamo le scuole a lavorare su uno dei temi proposti dal video:

  • Velocità e distrazione
  • La pubblicità
  • Informazione
  • Cavalli, zucche e motori
  • Una vita in 7 giorni


Scadenze e documentazione per la presentazione dei lavori
Gli insegnanti che intendono partecipare al concorso devono inviare, entro il 15 marzo 2018, tramite fax o e-mail la Scheda di adesione, che è possibile scaricare da questo link, alla Segreteria organizzativa: Indalo Comunicazione.

I partecipanti devono recapitare entro e non oltre il 28 aprile 2018 presso la segreteria organizzativa - Indalo Comunicazione, Via Roma 1 - 45025 Fratta Polesine (RO) - una copia del lavoro realizzato.

L’invio di ogni elaborato in concorso deve essere corredato da:

  1. Nome scuola e Istituto Comprensivo indirizzo completo, telefono, fax, e-mail
  2. Indicazione esatta della classe
  3. Nome e cognome dei docenti coordinatori del lavoro, del Dirigente Scolastico a capo dell’Istituto

I lavori possono essere inviati anche tramite e-mail all’indirizzo info@vadosicuro.it sempre indicando tutti i dati sopra elencati.
N.B. Gli elaborati dovranno essere prodotti da classi o da gruppi di lavoro. Non sono ammessi lavori singoli.


USO DEL MATERIALE INVIATO
Con la partecipazione al Concorso, tutti gli elaborati realizzati vengono concessi gratuitamente ai promotori, che potranno utilizzarli per la realizzazione di campagne di sensibilizzazione sulla sicurezza stradale, senza che gli autori possano pretendere compenso alcuno.
Il partecipante è direttamente responsabile del contenuto delle immagini e del materiale consegnato e ne dichiara la proprietà intellettuale con la partecipazione al Concorso, sollevando totalmente gli organizzatori da qualsiasi eventuale danno e/o richiesta da parte di terzi.

N.B. Con l’adesione:

  • si autorizza l’esposizione di tutte le tipologie di elaborati partecipanti al Concorso in una eventuale mostra e la loro pubblicazione su riviste, testate, siti internet, social network e su qualsiasi altro supporto mediatico e pubblicitario, purché solo ai fini della promozione di Vado Sicuro
  • si autorizza la divulgazione di foto e riprese video effettuate durante l’eventuale partecipazione delle classi a incontri e premiazioni esclusivamente promosse nell’ambito del progetto Vado Sicuro.

L’organizzazione si riserva di apportare modifiche al presente regolamento.


I premi
La Commissione, costituita da rappresentanti dei soggetti promotori di Vado Sicuro, valuterà i lavori presentati e segnalerà quelli più significativi per sensibilità e creatività. I premi saranno resi noti appena possibile.


Criteri di valutazione
Le opere verranno giudicate sulla base:

  • dell’incisività del messaggio e la sua capacità di essere efficace, diretto, pensato per arrivare in modo immediato all’interlocutore;
  • della completezza e precisione dei mezzi utilizzati: verrà apprezzata la cura dei dettagli e la ricerca di modi originali per trasmettere il messaggio sul valore delle regole;
  • della capacità di toccare anche ambiti diversi, e quindi sull’abilità si trasmettere un messaggio declinabile su ambiti che vanno oltre la sicurezza stradale e che riguardano più in generale l’educazione civica.

N.B. VERRÀ CONSIDERATA NOTA DI MERITO LA CAPACITÀ DI:
Per i più piccoli:

  • coinvolgere anche le famiglie nella realizzazione dei lavori e nel percorso educativo sulla sicurezza stradale, così da rendere più efficace il messaggio di Vado Sicuro.

Per i più grandi:

  • dare visibilità al percorso fatto in classe e ai lavori realizzati tramite il sito internet della scuola e i social network, a partire dalla pagina Facebook di Vado Sicuro, con condivisioni e Mi piace, per diffondere in modo capillare, soprattutto attraverso i nuovi strumenti di comunicazione usati dai ragazzi, il messaggio di sensibilizzazione sul valore delle regole.


Riferimenti
Segreteria organizzativa - Indalo Comunicazione | Recapiti: T. 0425 659064 - 051 0933400 F. 0425 659049 - 051 0933401 @ info@vadosicuro.it